n° 14/ del 17 novembre 2003

n° 14/ del 17 novembre 2003

di Mimmo Famularo

17 Novembre 2003
ONORE AI CADUTI DI NASIRIYAH
Toccante incontro di preghiera nella chiesa di San Francesco in memoria dei militari e dei civili caduti per nobili ideali in Iraq

Commozione, dolore… Un Italia in lutto. Il minimo che potevamo fare era quello di unirci nella preghiera al dolore delle famiglie colpite ed all’Arma dei Carabinieri duramente provata. Una funzione toccante, quella svolta nella Chiesa di San Francesco presieduta da P. Antonio Bonacci ed animata dal Terz’Ordine, che ha visto una partecipazione massiva dell’ intera Fraternità. Si è iniziato con la lettura dei nomi dei caduti da parte del Presidente della Fraternità e successivamente si è pregato seguendo il testo “In preghiera con San Francesco” del Padre Generale. Si è pregato con quelle stesse preghiere che la Fraternità adopera per ricordare i fratelli defunti. P. Antonio, in un suo breve pensiero, ha anche ricordato che la preghiera era rivolta, nel suo cuore, a tutte le vittime delle guerre passate precisando che davanti al Cristo non esistono bandiere o schieramenti. Che davanti la morte si è tutti uguali. L’ incontro di preghiera si è conclusa con la recita da parte di Lellè Paonessa, terziario minimo ed ex Carabiniere, del “Virgo Fidelis”, preghiera di affidamento alla Madonna protettrice dell ‘Arma.

Onore ai caduti della Patria, per la Pace

(Nasiriyah, 12 Novembre 2003)
“VIRGO FIDELIS”

(preghiera del Carabiniere)

Dolcissima e gloriosissima Madre di Dio e nostra,

noi Carabinieri d’Italia,

a te eleviamo reverente il pensiero,

fiduciosa la preghiera e fervido il cuore!

Tu, che le nostre Legioni invocano confortatrice e protettice col titolo

di “Virgo Fidelis”,

Tu accogli ogni nostro proposito di bene

e fanne vigore e luce per la Patria nostra.

Tu accompagna la nostra vigilanza,

Tu consiglia il nostro dire,

Tu anima la nostra azione,

Tu sostenta il nostro sacrificio,

Tu infiamma la devozione nostra!

E da un capo all’altro d’Italia suscita in ognuno di noi

l’entusiasmo di testimoniare, con la fedeltà sino alla morte,

l’amore a Dio e ai fratelli italiani. E così sia!


P.S.: Giunto al nostro indirizzo e-mail il ringraziamento da parte del Comando Generale dei Carabinieri per il Cordoglio espresso dalla Fraternità:

“Si ringrazia per le espressioni di solidarietà e vicinanza che ha voluto manifestare”.

Cordialmente
Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri