n° 24/ dell’ 8 marzo 2004

n° 24/ dell’ 8 marzo 2004

di Maria Lorena Villella

“Fraternità luogo di preghiera che accoglie ed evangelizza”
PREGHIERA FILIALE

La preghiera filiale, del figlio Gesù rivolta al padre, ci introduce alla vera comprensione della preghiera, dell’amore del figlio verso il padre e al tempo stesso alla comprensione della grandezza del Padre, perché “Nessuno conosce il Figlio se non il Padre e nessuno conosce il Padre se non il Figlio” e perché Gesù ci dice “Io e il Padre siamo una cosa sola”.

Solo attraverso il Figlio , abbiamo potuto conoscere il Padre, il suo Amore, la sua grandezza: “Padre giusto, il mondo, non ti ha conosciuto ma io ti ho conosciuto, questi sanno che tu mi hai mandato.E io ho fatto conoscere loro il tuo nome e lo farò conoscere perché l’amore con il quale mi hai amato sia in essi e io in loro.”

La preghiera di Gesù rivolta al padre, verso il quale, egli spesso si rivolge con l’appellativo “Abba” (Padre) ci fa comprendere l’unione , la comunione tra il Padre e il figlio.

Unione che noi possiamo realizzare con la preghiera .

La preghiera rappresenta il nostro colloquio con Dio e solo preghando con il cuore in mano possiamo realizzare questa unione.

Gesù ci ha insegnato a pregare, ci ha insegnato la preghiera per eccellenza, il Padre Nostro e ci ha detto “Vegliate e pregate per non cadere in tentazione”

Nel recitare il Padre Nostro, diciamo:

…VENGA IL TUO REGNO… un regno di pace , di amore……SIA FATTTA LA TUA VOLONTà….Gesù ha donato la sua vita per compiere la volontà del Padre suo……DACCI OGGI IL NOSTRO PANE QUOTIDIANO…….il Signore sa già quello di cui abbiamo bisogno è sempre accanto a noi, ci sorregge nelle difficoltà……RIMETTI A NOI I NOSTRI DEBITI….. il Padre perdona sempre i suoi figli…..COME NOI LI RIMETTIAMO AI NOSTRI DEBITORI…….ma perdoniamo veramente? Accogliamo con amore il nostro prossimo?

Gesù ci ha indicato la strada della salvezza, per giungere al cospetto del Padre.

Preghiamo con cuore penitente, convertiamoci al Vangelo, per compiere la volontà del Padre e avremo la salvezza.

Spunti per la riflessione
1. Quando recitiamo il Padre Nostro, riflettiamo sulle parole che stiamo rivolgendo al padre, quelle parole che Gesù stesso ci ha insegnato?

2. Ci doniamo a Dio, agli altri, come Gesù si è donato a noi?