n° 35/ del 29 settembre 2004

n° 35/ del 29 settembre 2004

di Candida Maione (Delegata Stampa)

“29 settembre 2004”
ALL’INSEGNA DEL NUOVO E DELLA CONTINUITA’, SI APRE IL NUOVO ANNO SOCIALE

Il 29 settembre, in cui ricorre la memoria liturgica dei Ss. Michele, Gabriele e Raffaele, con una solenne concelebrazione eucaristica, si è dato inizio al nuovo anno sociale della Fraternità del Terz’Ordine di Sambiase. A presiedere l’ Eucarestia, nella chiesa di S. Francesco di Paola, il nuovo Superiore e Moderatore Parroco, nonché nuovo P. Assistente Spirituale della Fraternità, P. Giovanni Sposato.

All’inizio della funzione religiosa, Teresa Paonessa, in qualità di Vice Presidente, ha esposto al nuovo P. Assistente, la realtà del T.O.M. di Sambiase, ricordando l’operato del precedente assistente, P. Giovanni Cozzolino che per 16 anni ha guidato eccellentemente la Fraternità, ed evidenziando, poi, una notizia molto bella e significativa per tutta la Comunità Minima di Sambiase: la vocazione del giovane terziario Matteo Aloi, che ha iniziato il suo cammino di discernimento spirituale presso il convento di S. Andrea delle Fratte a Roma.

Dal canto suo, P. Giovanni Sposato si è presentato ai terziari, ed ha cercato di stabilire il primo contatto con coloro che andrà a guidare nei prossimi anni. Ha manifestato la sua intenzione di imparare molto da questa esperienza, essendo per la prima volta il padre assistente di una Fraternità. Si è, dunque, affidato agli stessi terziari, affinché insieme si possa continuare un cammino già ben avviato, delineando gli elementi della collaborazione e della comunione fraterna, che secondo lui sono alla base del buon funzionamento di una fraternità.

Numerosi i terziari presenti alla S. Messa, sia per la voglia di iniziare un nuovo anno, sia per conoscere i nuovi Padri. Infatti, oltre a P. Giovanni Sposato, nella nostra comunità è giunto anche P. Ivano Scalise, ordinatosi sacerdote lo scorso mese di aprile, e che sta vivendo, quindi, la sua prima esperienza parrocchiale. E alla conclusione liturgica, nel salone parrocchiale si è tenuto un rinfresco che ha rappresentato un momento di festa e di unione per tutti i terziari ed anche per gli altri parrocchiani, sia giovani che adulti. Un momento di festa e di unione, per partire bene all’insegna dell’unità e dell’armonia, nell’avventura (sempre stimolante) del nuovo anno sociale.