n° 4/ del 11 ottobre 2003

n° 4/ del 11 ottobre 2003

di Candida Maione (Delegata Stampa)

Prima visita ufficiale alla Fraternita da parte della Correttrice Nazionale T.O.M.

LA FRATERNITA’ DI SAMBIASE ACCOGLIE ADRIANA FORTINI
Fortini:”Preghiera ed azione… La vita di Fraternità è importante! Non si tratta di passare per la Piazza. E’ la nostra Vita!”
La serata è proseguita, con un momento di aggregazione, in pizzeria

Il 9 ottobre 2003 la Fraternità TOM di Sambiase ha avuto l’onore, davanti ad una platea numerosa, nonostante la giornata lavorativa, di accogliere la Presidente Nazionale del TOM, la Sig.ra Adriana Fortini, la quale ha espresso la propria gioia nell’essere presente a Sambiase. Dopo il benvenuto dato dal Presidente locale a nome di tutta la Fraternità, ha aperto l’incontro il Padre Assistente Padre Giovanni Cozzolino che in sua breve introduzione ha sottolineato l’importanza dei cammini paralleli percorsi in Parrocchia tra la Pastorale Giovanile Minima ed il Terz’Ordine, affermando che questo può essere un metodo per stimolare i giovani ad avvicinarsi pian piano alla realtà della Fraternità e a diventare Terziari. A seguire, il Presidente locale Mimmo Famularo, nella sua relazione, ha presentato il cammino e le attività che la Fraternità di Sambiase sta compiendo, riferendosi, in modo particolare, agli ultimi due anni. Al termine, la Presidente Nazionale Adriana Fortini, prendendo la parola, con molto affetto, si è presentata ai numerosi terziari presenti, ponendosi con umiltà e calore, dicendosi subito d’accordo con quanto detto da Padre Giovanni circa i cammini paralleli. Ha dimostrato la sua approvazione circa la Carta d’Impegno che rappresenta un aiuto a ricordare gli appuntamenti annuali, affermando che la partecipazione “non implica di fare qualcosa solo se ne abbiamo voglia… tipo scendere in piazza con gli amici.E’ la nostra vita!l’abbiamo scelta noi. Il punto è sforzarsi di migliorare personalmente, miglioramento che diventa, poi, collettivo”.Un’attenzione particolare, nel suo intervento, la Presidente Fortini la rivolge agli anziani, “persone umili e silenziose che ci dicono tanto, se la Chiesa sta in piedi è grazie a loro”. Ha proseguito poi facendo riferimento al compito del Consiglio Nazionale: “Il compito del Consiglio Nazionale è quello di fare emergere quel fuoco che è dentro di noi, tenendo insieme e unite tutte le Fraternità. Si può camminare insieme, anche se si è distanti”. Continua affermando che “occorre camminare insieme al I e al II Ordine; specialmente con il I Ordine bisogna vivere la stessa missione… far si che il Vangelo prenda forma dentro di noi”. La Presidente Nazionale, non v’è dubbio, è rimasta molto contenta di questo incontro e soprattutto dell’accoglienza da parte dei terziari lametini, sempre gentili, generosi e disponibili. La serata si è conclusa davanti ad una bella pizza in una pizzeria della città, alla quale hanno preso parte una quarantina di terziari, soprattutto coloro che sono stati impossibilitati a partecipare all’incontro.Ciò ha dimostrato un vero spirito di gruppo. La serata in pizzeria si è conclusa tra canti popolari calabresi ed il taglio della torta, offerta dal terziario “pasticciere” Pino Ruberto, sulla quale ha scritto un augurio alla Presidente Nazionale per il mandato che deve svolgere.