Incontro del 16 gennaio 2012

TEMATICA : RIFLESSIONI SU GIOVANNI – CAPITOLO : 4 “ L’INCONTRO DI GESU’ CON LA SAMARITANA”.

L’incontro di Gesù con la samaritana è una pagina evangelica di grande rilevanza teologica e offre tanti spunti di riflessione per il nostro cammino Spirituale. In essa, il dialogo tra Gesù e la donna, meraviglia i suoi stessi discepoli che, quando al loro ritorno lo vedono parlare con lei, si chiedono: “Perché parla con una donna, cosa mai le dirà?” Il dialogo, sconvolge la donna stessa che gli domanda : “Perché chiedi a me, di darti da bere? Me, una samaritana?”. I giudei infatti, non andavano d’accordo con i samaritani !! La donna, i discepoli, potremmo essere noi con i nostri preconcetti, con il nostro modo di vedere e di sentire le cose, solo dal punto di vista umano, senza ascoltare l’Amore, la voce di Dio che palpita nelle nostre coscienze e che ci apre ad orizzonti più larghi. La samaritana si sconvolge ancora di più e si converte, quando Gesù le dimostra di conoscere tutto della sua vita, il suo essere in peccato, e la invita a bere non dell’acqua naturale, che disseta solo i suoi bisogni materiali, ma dell’” Acqua Viva “ che Egli stesso le offre, ossia di ricercare il benessere dell’anima e quindi , la salvezza eterna. L’incontro di Gesù con la samaritana, è attuale più che mai nel nostro tempo, perché espressione dell’incontro che Gesù ha con ognuno di noi ; Gesù chiede infatti anche a noi come a quella donna in prossimità del pozzo di Giacobbe, di bere della Sua “Acqua Viva” che ci disseterà in eterno, ossia ci chiede di custodire nel nostro cuore, la Sua Verità, la Sua Parola, ripudiando il peccato e operando il bene. L’incontro con la samaritana, è quindi espressione della nostra chiamata o vocazione ad essere seguaci di Cristo, ma al contempo, è massima espressione dell’Amore di Dio che gratuitamente ed indistintamente, ossia senza preconcetti, vuole che ogni uomo sia salvo in Cristo. La realizzazione di questo progetto, richiede però la nostra collaborazione, la nostra risposta : Gesù chiede infatti alla samaritana di dissetarlo !!. E’ ciò che dobbiamo proporci noi, in ogni momento della nostra vita! Un dono gratuito, non è solo nostro, deve essere condiviso e, condividere L’Amore di Gesù, farlo conoscere agli altri, è spendere noi stessi per il bene dell’altro; è vivere il Servizio in ogni ambito: famiglia, lavoro, vivere sociale, trasformando la nostra vita in Apostolato. E’ solo in questo che trova senso l’espressione bellissima: “ Essere Grembo della Parola per una mistica del servizio”.

GISELLA LEONE

I commenti sono chiusi.