Incontro del 16 febbraio

Alle ore 18.45 con la recita comunitaria dei Vespri si è dato inizio all’incontro settimanale di fraternità.
L’ incontro è tenuto dal Padre Assistente (Padre Ivano Scalise) , il quale attraverso il Catechismo della Chiesa Cattolica e alla luce della Regole del Terz’ordine dei Minimi, ci offre una breve riflessione sul Sacramento della Riconciliazione.
Iniziamo col chiarire che, il significato di Sacramento è: “Presenza di Gesù Cristo”; nello stesso, pertanto, incontriamo il Messia. E’ importante, inoltre, guardare in questa direzione sotto l’ottica della conversione.
Per meglio capire il cammino di conversione che porta al Sacramento della Riconciliazione dobbiamo partire dal Battesimo con il quale siamo stati lavati, purificati, liberati dal peccato originale. La conversione non è altro che il prolungamento della grazia del Battesimo.
Immaginiamo la creazione del mondo e il Paradiso Terrestre come se fosse un cerchio all’interno del quale l’uomo vive felice fino a quando non compare il peccato che provoca l’allontanamento dell’uomo da questo cerchio, per posizionarlo alle porte del Paradiso. Dio, pur di non abbandonare l’uomo, esce dal Paradiso e dona la sua Grazia, il suo amore gratuito. Egli non si stanca mai dell’umanità nemmeno quando essa si allontana da Lui e in ogni nuova vita che nasce, vede la possibilità che l’uomo possa vivere sotto la Sua ottica ; Riconciliazione è, quindi, per l’uomo cercare la strada giusta per rientrare in Paradiso.
Quando andiamo a confessarci compiamo un atto liturgico, bisogna perciò che ci prepariamo bene facendo un buon esame di coscienza, ma soprattutto dobbiamo riconoscere che nel Sacramento della Confessione incontriamo la Grazia di Dio che è presente per mezzo di Gesù Cristo e che viene a ristabilire ciò che l’uomo distrugge.
Il Sacramento della Riconciliazione, se fatto sotto l’azione dello Spirito Santo, porta pace, sollievo e serenità, sia a livello spirituale che corporale.
Termina l’incontro con la preghiera comunitaria.

Maria Piera Liparota

I commenti sono chiusi.